venerdì 12 novembre 2010

...controllare il proprio saldo punti patente.

Ciao!
Volete sapere quanti punti della patente avete o vi sono rimasti dall'ultima infrazione!?
Facile!
Ecco le istruzioni come fare tratte dal sito della Polizia di Stato:
http://poliziadistato.it/articolo/539-Patente_come_si_controlla_il_saldo_punti

fonte: www.poliziadistato.it

Patente: come si controlla il "saldo" punti

Il titolare può controllare in tempo reale lo stato della propria patente presso l'anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, utilizzando il portale dell'automobilista.

Su questo portale il Ministero dei Trasportii ha attivato il servizio online di verifica del saldo dei punti sulla propria patente di guida: occorre semplicemente iscriversi al sito seguendo le istruzioni presenti sulla home page.

E' possibile utilizzare anche l'utenza telefonica 848782782, ma attenzione non è un numero verde. La telefonata può essere effettuata solo da apparecchio fisso ed ha il costo di una chiamata urbana secondo le tariffe del proprio gestore telefonico.


Come si recupera il punteggio

La mancanza di decurtazioni dei punti, per il periodo di due anni consecutivi, determina la nuova attribuzione del completo punteggio iniziale. Per i titolari di patente che per almeno due anni hanno mantenuto 20 punti è previsto l'accreditamento di 2 punti fino a raggiungere il tetto massimo complessivo di 30 punti.

Dal 13 agosto 2010 per i patentati da meno di tre anni è stato introdotto un ulteriore meccanismo premiale: nel caso non vengano commesse violazioni che prevedono decurtazione di punti verrà attribuito sul loro titolo di guida un punto ogni anno, fino ad un massimo di tre.

Il punteggio perso può essere recuperato frequentando anche dei corsi specifici , con obbligo di esame finale, presso le autoscuole o presso gli altri soggetti autorizzati dal Ministero dei Trasporti.

mercoledì 10 novembre 2010

...ricoleggare i fili dell'impianto elettrico della vespa.

Ciao!
Per coloro che stanno procedendo al rimontaggio della propria vespa da soli o per chi si accingerà a farlo a breve... posto alcune foto dei cavi elettrici della mia Vespa 125 Gran Turismo.























Spero che le immagini siano utili per poter ricolegare il vostro impainto elettrico!

...fare il passaggio proprietà dell'auto.

Ciao!
Volete acquistare un'automobile usata e volete effettuare l'atto e passaggio di proprietà da soli risparmiando dai 50 ai 100 Euro che vi verranno richiesti da un'agenzia disbrigo pratiche?!?!?
Facile se avete un pò di tempo potete fare da soli seguendo le seguenti indicazioni estratte dal sito ufficiale dell'ACI: http://www.aci.it/?id=456
Ecco la guida:

tratto da http://www.aci.it/?id=456

Passaggio di proprietà


Contenuto principale

Quando si acquista un veicolo usato si deve autenticare la firma del venditore sull'atto di vendita e entro sessanta giorni dall'autentica bisogna registrare il passaggio di proprietà all'ufficio provinciale dell'ACI - Pubblico Registro Automobilistico (PRA), che rilascerà il certificato di proprietà (CdP) aggiornato, e richiedere l'aggiornamento della carta di circolazione all'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC).

La mancata richiesta di aggiornamento del CdP e della carta di circolazione determina l'applicazione, in caso di controllo su strada, di sanzioni monetarie oltre al ritiro della carta di circolazione ai sensi dell'art. 94 del Codice della Strada.

Se si autentica la firma del venditore sull'atto di vendita allo Sportello Telematico dell'Automobilista (STA) del PRA oppure della Motorizzazione Civile, è obbligatorio subito dopo aver autenticato la firma richiedere la registrazione del passaggio di proprietà. La contestualità dell'autentica della firma e della richiesta del passaggio di proprietà (cioè la loro esecuzione successiva ed immediata) garantisce la certezza giuridica dell'aggiornamento dell'archivio del PRA con i dati del nuovo proprietario del veicolo.

Come fare







Per i veicoli per i quali si dispone del Certificato di Proprietà

Chi può presentare la richiesta e dove

La richiesta del passaggio di proprietà di un veicolo può essere presentata dall'acquirente, o da una persona incaricata dall'acquirente a uno Sportello Telematico dell'Automobilista (STA) quando si dispone del certificato di proprietà (CdP).

Se la richiesta viene presentata da un incaricato, alla documentazione deve essere allegata la delega rilasciata dall'acquirente, per il Pubblico Registro Automobilistico (PRA), il modello TT2120 per l'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC) e la fotocopia del documento di identità/riconoscimento dell'acquirente.

Documentazione da presentare

  • certificato di proprietà (CdP)
  • atto di vendita in una delle seguenti forme:

- dichiarazione unilaterale di vendita con firma autenticata del venditore, in bollo, redatta sul retro del CdP

- atto di vendita in bollo redatto in forma bilaterale, con firma autenticata sia del venditore sia dell'acquirente

- atto pubblico, o sentenza in copia conforme all'originale, in bollo

  • nota di presentazione al PRA su cui indicare il codice fiscale dell'acquirente

Utilizzare il retro del CdP, oppure il modello NP3B, in doppio originale, stampabile dal sito o in distribuzione gratuita presso gli STA degli uffici provinciali ACI (PRA) e degli uffici provinciali della Motorizzazione Civile (UMC).

  • carta di circolazione e fotocopia della stessa
  • modulo TT2119 di richiesta d'aggiornamento della carta di circolazione (in distribuzione gratuita presso gli STA degli uffici provinciali ACI (PRA) e dell'UMC)
  • fotocopia di un documento di identità/riconoscimento dell'acquirente

Se il documento è redatto in lingua straniera, deve essere allegata una traduzione in lingua italiana (tranne i casi in cui esistono esenzioni stabilite da leggi o accordi internazionali) certificata conforme al testo straniero dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare, ovvero da un traduttore ufficiale.

  • certificato di residenza dell'acquirente o dichiarazione sostitutiva di certificazione, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato, anche se l'acquirente è un cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE; i cittadini dell'Unione Europea (UE) possono anche presentare la fotocopia dell'attestazione rilasciata dal Comune comprovante l'avvenuta richiesta di iscrizione anagrafica, oppure la fotocopia dell'attestazione di soggiorno permanente rilasciata dal comune di residenza
  • se l'acquirente è una persona giuridica (società, ente, associazione, etc.): certificato della camera di commercio in bollo o dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante per attestare la sede della persona giuridica
  • se l'acquirente è un cittadino extracomunitario residente in Italia: copia del permesso di soggiorno in corso di validità; oppure copia del permesso di soggiorno scaduto con allegata la copia della ricevuta postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo; oppure fotocopia del documento di identità e fotocopia della ricevuta attestante la presentazione dell'istanza di primo rilascio; oppure copia del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • se l'acquirente è un familiare extracomunitario di un cittadino dell'Unione Europea residente in Italia: copia della carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell'Unione Europea oppure copia della carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei

Costi previsti per legge

Somme dovute per il passaggio di proprietà di un veicolo per il quale si dispone del certificato di proprietà

Imposta Provinciale di Trascrizione

importo variabile a seconda del tipo di veicolo e della provincia di residenza

Emolumenti ACI

20,92 euro

Imposta di bollo per registrazione al PRA

29,24 euro (se si utilizza il CdP come nota di presentazione) o
43,86 euro (se si utilizza il mod. NP-3B come nota di presentazione)

Diritti DTT (*)

9,00 euro

Imposta di bollo (*) per aggiornamento Carta di Circolazione

14,62 euro

(*) aggiungere i costi per i versamenti postali

Se ci si rivolge allo STA di una delegazione dell'Automobile Club o di uno di studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto) oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa - in regime di libero mercato - del servizio di intermediazione.

Sanzioni e interessi per ritardata registrazione al PRA

È possibile richiedere il passaggio di proprietà di un veicolo anche dopo i sessanta giorni dall'autentica della firma del venditore, pagando oltre all'importo dell'imposta provinciale di trascrizione (IPT) anche la sanzione per il ritardato pagamento, pari al trenta per cento dell'importo dell'IPT dovuta, e gli interessi legali (dovuti sulla sola IPT).


Dove e come si paga

Se la richiesta viene presentata:

  • allo STA dell'ufficio provinciale ACI (PRA): tutte le somme dovute per legge possono essere versate allo sportello al momento della richiesta in contanti o con pagobancomat (sono escluse le carte di credito)
  • allo STA di una delegazione AC o di uno studio di consulenza automobilistica (agenzie pratiche auto): tutte le somme dovute possono essere versate allo sportello. Alle somme dovute per legge bisogna aggiungere la tariffa - in regime di libero mercato - del servizio di intermediazione
  • allo STA dell'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC): prima di recarsi allo sportello bisogna versare all'ufficio postale tutte le somme dovute per legge sui conti correnti postali, appositamente previsti, e consegnare allo sportello le relative attestazioni di versamento

Tutti i bollettini - con l'intestazione prestampata - sono in distribuzione gratuita presso gli uffici provinciali della Motorizzazione Civile.

In tutti gli altri casi


Alcune richieste non si possono presentare allo Sportello Telematico dell'Automobilista (STA).

In ognuno dei casi di seguito elencati è necessario richiedere la registrazione del passaggio di proprietà e l'aggiornamento del certificato di proprietà (CdP) all'ufficio provinciale ACI - Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e l'aggiornamento della carta di circolazione all'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC).
Entrambe le richieste devono essere fatte entro sessanta giorni dalla data di autentica della firma sull'atto di vendita.

Elenco dei casi:

  • ci sono più di due acquirenti
  • il veicolo è privo del certificato di proprietà (CdP) e si possiede il foglio complementare
  • si vuole richiedere l'annotazione dell'usufrutto
  • si vuole registrare il passaggio di proprietà con connessa variazione d'uso o delle caratteristiche tecniche del veicolo
  • si vuole registrare il passaggio di proprietà a tutela del venditore
  • il veicolo richiede all'intestatario il possesso di un titolo autorizzativo o l'iscrizione in appositi albi, compresa l'ipotesi di noleggio senza conducente; oppure in caso di veicolo che necessiti di collaudo o di rilascio di certificato di autorizzazione (es. taxi, autocarri per trasporto in conto terzi)
  • si vogliono presentare richieste relative a veicoli di cui, allo stato attuale, non è ancora stato possibile abbinare i codici tecnici ACI e DTT (es. tutti i veicoli con codice carrozzeria "ZZ" e "Z0")
  • si vogliono presentare richieste relative a variazioni/fusioni societarie
  • registrazione del passaggio di proprietà ai sensi dell'art. 2688 del Codice Civile (acquisto da proprietario non intestatario)

Richiesta al Pubblico Registro Automobilistico (PRA)

Documentazione da presentare al PRA

  • certificato di proprietà (CdP) o foglio complementare
    In caso di furto o smarrimento, è necessario richiederne il duplicato contestualmente alla richiesta del passaggio di proprietà, allegando la relativa denuncia presentata agli organi di Pubblica Sicurezza o una dichiarazione sostitutiva di aver reso denuncia con l'indicazione della data e del luogo dove è stata presentata.
  • atto di vendita in una delle seguenti forme
    - se si possiede il foglio complementare: dichiarazione unilaterale di vendita nella forma di scrittura privata con firma del venditore autenticata in bollo
    - se si possiede il Cdp: dichiarazione unilaterale di vendita con firma autenticata del venditore, in bollo, redatta sul retro del CdP; oppure dichiarazione bilaterale di vendita nella forma di scrittura privata, con firma autenticata del venditore e dell'acquirente in bollo
    - atto pubblico, o sentenza in copia conforme all'originale, in bollo
  • nota di presentazione al PRA su cui indicare il codice fiscale dell'acquirente
    Utilizzare il retro del CdP, oppure il modello NP3B, in doppio originale, stampabile dal sito o in distribuzione gratuita presso gli STA degli uffici provinciali ACI (PRA) e degli uffici provinciali della Motorizzazione Civile (UMC)
  • fotocopia di un documento di identità/riconoscimento dell'acquirente
    Se il documento è redatto in lingua straniera, deve essere allegata una traduzione in lingua italiana (tranne i casi in cui esistono esenzioni stabilite da leggi o accordi internazionali) certificata conforme al testo straniero dalla competente rappresentanza diplomatica o consolare, ovvero da un traduttore ufficiale.
  • certificato di residenza dell'acquirente o dichiarazione sostitutiva di certificazione, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato, anche se l'acquirente è un cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'AIRE; i cittadini dell'Unione Europea (UE) possono anche presentare la fotocopia dell'attestazione rilasciata dal comune comprovante l'avvenuta richiesta di iscrizione anagrafica, oppure la fotocopia dell'attestazione di soggiorno permanente rilasciata dal Comune di residenza
  • se l'acquirente è una persona giuridica (società, ente, associazione, etc.): certificato della camera di commercio in bollo o dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante per attestare la sede della persona giuridica
  • se l'acquirente è un cittadino extracomunitario residente in Italia: copia del permesso di soggiorno in corso di validità; oppure copia del permesso di soggiorno scaduto con allegata la copia della ricevuta postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo; oppure fotocopia del documento di identità e fotocopia della ricevuta attestante la presentazione dell'istanza di primo rilascio; oppure copia del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo
  • se l'acquirente è un familiare extracomunitario di un cittadino dell'Unione Europea residente in Italia: copia della carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell'Unione Europea oppure copia della carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei

Costi Previsti per legge

Somme dovute per il passaggio di proprietà

Imposta Provinciale di Trascrizione

importo variabile a seconda del tipo di veicolo e della provincia di residenza

Emolumenti ACI

20,92 euro

Imposta di bollo per registrazione al PRA

29,24 euro (se si utilizza il CdP come nota di presentazione) o
43,86 euro (se si utilizza il mod.NP3 come nota di presentazione)

Se ci si rivolge a una delegazione dell'Automobile Club o a uno di studio di consulenza automobilistica (agenzia pratiche auto) oltre ai costi previsti per legge, per la richiesta bisogna aggiungere la tariffa - in regime di libero mercato - del servizio di intermediazione.

Sanzioni e interessi per ritardata registrazione al PRA

È possibile richiedere il passaggio di proprietà di un veicolo anche dopo i sessanta giorni dall’autentica della firma del venditore, pagando oltre all’importo dell'imposta provinciale di trascrizione (IPT) anche la sanzione per il ritardato pagamento, pari al trenta per cento dell'importo dell'IPT dovuta, e gli interessi legali (dovuti sulla sola IPT).

Richiesta all'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC)

Per l'aggiornamento della carta di circolazione bisogna rivolgersi all'ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC).
Per informazioni si consiglia di contattare il locale UMC.

Fonte: http://www.aci.it/

mercoledì 27 ottobre 2010

...a richiedere il risarcimento danni al fondo vittime della strada.

Ciao!
Se avete fatto un'incidente con un veicolo o motoveicolo sprovvisto di assicurazione dovete seguire la seguente procedura estratta dal sito www.consap.it:

Procedura e Modulistica

Ipotesi A - sinistri causati da veicoli non identificati.

La richiesta di risarcimento danni va inoltrata direttamente all'Impresa Designata competente per territorio (per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni clicca qui) e alla Consap s.p.a. nella qualità di gestore del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada.

L'Impresa Designata provvede, ove ne ricorrano i presupposti, ad erogare l'indennizzo al danneggiato.
L'azione per il risarcimento del danno deve essere esercitata esclusivamente nei confronti dell'Impresa Designata.

Ipotesi B - sinistri causati da veicoli non assicurati.

La richiesta di risarcimento danni va inoltrata direttamente all'Impresa Designata competente per territorio per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni clicca qui) e alla Consap s.p.a. nella qualità di gestore del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada.
L'Impresa Designata provvede, ove ne ricorrano i presupposti, ad erogare l'indennizzo al danneggiato.
L'azione per il risarcimento del danno deve essere esercitata esclusivamente nei confronti dell'Impresa Designata.

Ipotesi C - sinistri causati da veicoli assicurati con Imprese poste successivamente in l.c.a.

In questa ipotesi si distinguono tre procedure

Liquidazione dei danni a cura dell'Impresa Designata (art. 286 del Codice delle Assicurazioni Private):

- sinistri causati da veicoli o natanti assicurati con imprese che al momento del sinistro si trovino in stato di liquidazione coatta amministrativa o vi vengano poste successivamente, i cui Commissari Liquidatori non siano stati autorizzati (per conoscere l'elenco di dette tipologie di Imprese in l.c.a. clicca qui), anche per conto del Fondo di Garanzia per le vittime della Strada, ai sensi dell'art. 293 del D.lgs. n. 209 del 07.09.2005, alla liquidazione dei danni causati dalla circolazione dei veicoli e dei natanti, ovvero non si sia proceduto al trasferimento del portafoglio delle imprese in l.c.a. ad Imprese Cessionarie: la richiesta di risarcimento deve essere inoltrata direttamente all'Impresa Designata competente per territorio (per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni clicca qui) che provvede, ove ne ricorrano i presupposti, ad erogare l'indennizzo al danneggiato; l'eventuale azione giudiziaria deve essere esercitata nei confronti dell'Impresa Designata competente per territorio. Nel giudizio deve essere convenuto anche il Commissario Liquidatore.

Liquidazione dei danni a cura del Commissario Liquidatore dell'Impresa in liquidazione coatta (art. 293 del Codice delle Assicurazioni Private):

- sinistri causati da veicoli o natanti assicurati con imprese che al momento del sinistro si trovino in stato di liquidazione coatta amministrativa o vi vengano poste successivamente, i cui Commissari Liquidatori siano stati autorizzati, anche per conto del Fondo di Garanzia per le vittime della Strada, ai sensi dell'art. 293 del D.lgs. n. 209 del 07.09.2005, alla liquidazione dei danni causati dalla circolazione dei veicoli e dei natanti: la richiesta di risarcimento deve essere inoltrata direttamente nei confronti del Commissario Liquidatore. L'eventuale azione giudiziaria deve essere esercitata nei confronti della Procedura. Per conoscere le Compagnie autorizzate a liquidare i sinistri e gli indirizzi del Commissario liquidatore clicca qui; per conoscere gli indirizzi aggiornati dell'Impresa Designata competente per territorio clicca qui.

Liquidazione dei danni a cura dell'Impresa Cessionaria (Legge n. 738 del 24.11.1978):

- sinistri causati da assicurati con polizze di Imprese il cui portafoglio r.c. auto è stato trasferito ad altra Compagnia: la richiesta di risarcimento deve essere inoltrata direttamente alle Imprese Cessionarie, nei confronti delle quali va anche esercitata l'eventuale azione giudiziaria. Nel giudizio deve essere convenuto anche il Commissario Liquidatore; per conoscere le Compagnie clicca qui

Ipotesi D - sinistri causati da veicoli posti in circolazione contro la volontà del proprietario.

La richiesta di risarcimento danni va inoltrata direttamente all'Impresa Designata competente per territorio e alla Consap s.p.a. nella qualità di gestore del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada.
L'Impresa Designata provvede, ove ne ricorrano i presupposti, ad erogare l'indennizzo al danneggiato.
L'azione per il risarcimento del danno deve essere esercitata esclusivamente nei confronti dell'Impresa Designata. Per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni. clicca qui

Ipotesi D - bis) - sinistri causati da veicoli spediti nel territorio della Repubblica Italiana da un altro Stato dello Spazio Economico Europeo (Paesi della UE + Islanda, Norvegia e Lichtenstein) avvenuti nel periodo intercorrente dalla data di accettazione della consegna del veicolo e lo scadere del termine di 30 giorni.

La richiesta di risarcimento danni va inoltrata direttamente all'Impresa Designata competente per territorio e alla Consap s.p.a. nella qualità di gestore del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada.
L'Impresa Designata provvede, ove ne ricorrano i presupposti, ad erogare l'indennizzo al danneggiato.
L'azione per il risarcimento del danno deve essere esercitata esclusivamente nei confronti dell'Impresa Designata; per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni. clicca qui

Ipotesi D – ter) sinistri causati da veicoli esteri con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo.

La richiesta di risarcimento danni va inoltrata direttamente all'Impresa Designata competente per territorio e alla Consap s.p.a. nella qualità di gestore del Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada.
L'Impresa Designata provvede, ove ne ricorrano i presupposti, ad erogare l'indennizzo al danneggiato.
L'azione per il risarcimento del danno deve essere esercitata esclusivamente nei confronti dell'Impresa Designata; per conoscere gli indirizzi ai quali inviare le richieste di risarcimento danni. clicca qui

MODULI

Richiesta risarcimento dei danni (ipotesi c) ai sensi dell'art. 287 del D.lgs. N° 209/2005.
> Scarica in formato Doc

Richiesta risarcimento dei danni (ipotesi c) ai sensi dell'art. 294 del D.lgs. N° 209/2005.
> Scarica in formato Doc

Richiesta risarcimento dei danni relativi alle ipotesi a), b), d), d-bis), d-ter) dell'art. 283 del D.lgs n° 209/2005.
> Scarica in formato Doc

venerdì 15 ottobre 2010

... confrontare, risparmiare e scegliere l'assicurazione auto.

Ciao.
Se cercate un sito che possa aiutarvi a capire come funzionano le varie tipologie d'assicurazione auto, confrontare i costi delle varie compagnie e scegliere quella più adatta al vostro profilo senza girare tutta la città, ma rimanendo comodamente a casa, ecco quello che fa per voi:
http://www.assicurazioni.it/


...a sapere le probabilità di vincita al "GRATTA e VINCI"I


Ciao a tutti!
Per tutti coloro che sono appassionati delle Lotterie Istantanee, alias GRATTA e VINCI,: vi siete mai chiesti qual è la probabilità di vincita del premio più cospicuo e di quelli minori?!




Beh... sicuramente non le trovate sul retro del biglietto ma dovete collegarvi nel sito www.grattaevinci.it ed andare nella sezione GIOCO e poi REGOLAMENTO dove troverete per ciascuna lotteria con partecipazione istantanea i decreti di indizione che definiscono le regole di gioco, i premi e le relative modalità di attribuzione.



Il link è il seguente: http://www.lottomaticaitalia.it/grattaevinci/classico/regolamento.html

Ecco ad esempio uno stralciodel regolamento del Gratta e Vinci Turisti per Sempre:






Adesso per calcolare la probabiltà di vincita del premio di 50.000 EURO basta semplicemente fare la seguente operazione: dividere il numero dei biglietti totale emessi (n. 100.800.000) per il numero di premi da 50.0000 (n.24).

Cioè 100.800.000 / 24 = 4.200.000

In conclusione la possibilità é una su 4.200.000.


Con lo stesso procedimento si può calcolare la probabilità di vincità degli altri premi.

Quindi valutate bene le vostre possibilità di vittoria, che non sono delle migliori!

lunedì 4 ottobre 2010

Ciao a tutti!
Ecco una divertente e simpatica canzone dedicata ai più piccini!

Fred Penner: THE CAT CAME BACK


video




Old Mister Johnson had troubles of his own
He had a yellow cat which wouldn't leave its home;
He tried and he tried to give the cat away,
He gave it to a man goin' far, far away.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

The man around the corner swore he'd kill the cat on sight,
He loaded up his shotgun with nails and dynamite;
He waited and he waited for the cat to come around,
Ninety seven pieces of the man is all they found.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

He gave it to a little boy with a dollar note,
Told him for to take it up the river in a boat;
They tied a rope around its neck, it must have weighed a pound
Now they drag the river for a little boy that's drowned.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

He gave it to a man going up in a balloon,
He told him for to take it to the man in the moon;
The balloon came down about ninety miles away,
Where he is now, well I dare not say.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

He gave it to a man going way out West,
Told him for to take it to the one he loved the best;
First the train hit the curve, then it jumped the rail,
Not a soul was left behind to tell the gruesome tale.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

The cat it had some company one night out in the yard,
Someone threw a boot-jack, and they threw it mighty hard;
It caught the cat behind the ear, she thought it rather slight,
When along came a brick-bat and knocked the cat out of sight

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

Away across the ocean they did send the cat at last,
Vessel only out a day and making water fast;
People all began to pray, the boat began to toss,
A great big gust of wind came by and every soul was lost.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

On a telegraph wire, sparrows sitting in a bunch,
The cat was feeling hungry, thought she'd like 'em for a lunch;
Climbing softly up the pole, and when she reached the top,
Put her foot upon the electric wire, which tied her in a knot.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

The cat was a possessor of a family of its own,
With seven little kittens till there came a cyclone;
Blew the houses all apart and tossed the cat around,
The air was full of kittens, and not a one was ever found.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

The atom bomb fell just the other day,
The H-Bomb fell in the very same way;
Russia went, England went, and then the U.S.A.
The human race was finished without a chance to pray.

But the cat came back the very next day,
The cat came back, we thought he was a goner
But the cat came back; it just couldn't stay away.
Away, away, yea, yea, yea

mercoledì 12 maggio 2010

...risparmiare carburante

Ciao!
In questo post "Come risparmiare carburante" , tratto dal sito www.autoage.it, troverete alcuni consigli utili per diminuire il consumo del carburante per la vostra auto risparmiando così qualche euro a fine anno!

Come risparmiare carburante

Il caro-petrolio comporta a tutti gli automobilisti una maggiore spesa in carburante. Rinunciare all’automobile è però spesso impossibile. L’auto è soprattutto un mezzo per recarsi sul posto di lavoro ed i trasporti pubblici non sempre sono all’altezza delle necessità di mobilità. Torna pertanto utile tenere a mente qualche accorgimento pratico per risparmiare carburante:

1) Evitare le partenze razzo. In questa fase il consumo di carburante è molto elevato. Le partenze migliori sono il risultato di un gioco frizione-acceleratore graduale. Far andare troppo “su di giri” il motore in partenza è come buttare i propri soldi dalla finestra.

2) Passare alla marcia superiore. Tirare le marce per avere max. accelerazione può costarvi molto caro quando fate rifornimento. Al momento opportuno scegliete sempre di passare alla marcia superiore.

3) Nelle lunghe soste spegnete il motore. Ad esempio al semaforo dei passaggi a livello.

4) In autostrada è preferibile mantenere una velocità costante. L’andatura irregolare e le continue variazioni di velocità, oltre ad essere pericolose, spingono fortemente in alto i consumi.

5) In prossimità dei semafori rossi è consigliabile decelerare fin da lontano. E' inutile fare la corsa per arrivare prima allo stop. Rallentando nel tratto di avvicinamento al semaforo potreste giungere all'incrocio col segnale verde evitando in questo modo una costosa sosta. Lo stop-and-go cittadino è una delle principali cause del consumo di carburante.

6) Il peso dell’automobile determina il suo consumo di carburante. Per ridurre la spesa lasciate a casa gli oggetti inutili. Il portabagagli posteriore non è uno sgabuzzino. Ogni chilo in meno farà risparmiare molti euro in carburante.

7) I porta-pacchi e dei porta-sci penalizzano l’aerodinamicità dell’automobile. Montateli soltanto quando vi servono avendo poi cura di smontarli successivamente. E' una questione di pochi minuti.

8) Tenere aperti i finestrini o il tettuccio apribile nei tratti extra-urbani agisce anche come effetto frenante per l’automobile, spingendo in alto il consumo di carburante. Apriteli soltanto per il tempo necessario al ricambio dell’aria nell’abitacolo.

9) Il climatizzatore dell’automobile non è gratuito. Il suo utilizzo può comportare una maggiorazione del 20% nei consumi. Usatelo con moderazione e soltanto quando è necessario. Impostare il climatizzatore a temperature troppo basse accresce il consumo in modo esponenziale. In città spegnetelo ed aprite il finestrino.

10) Una buona manutenzione dell’automobile è il segreto per contenere i consumi di carburante. Facciamo qualche esempio. Un filtro dell’aria otturato aumenta il consumo del 10-15%. Allo stesso modo, l’olio lubrificante troppo vecchio comporta uno sforzo maggiore al motore per lavorare. La convergenza errata delle ruote aumenta l’attrito con la strada. E’ quindi raccomandabile pianificare ogni anno un check up presso le officine autorizzate chiedendo il controllo completo della vettura. Le automobili moderne sono un concentrato di tecnologia, soltanto l’occhio esperto e l’adeguata strumentazione di controllo possono consentire di avere un quadro generale del veicolo.

11) La pressione dei pneumatici incide sui consumi e aumenta l’usura della gomma. I pneumatici sgonfi hanno un maggiore attrito con l’asfalto agendo come elemento frenante al moto della vettura. E’ buona norma far controllare la pressione dei pneumatici almeno ogni due settimane.

tratto da www.autoage.it

martedì 4 maggio 2010

...a resuscitare la batteria NP-20 Casio EXLIM

Ciao!
Recentemente, ho avuto un problema con la batteria originale Casio NP-20 in dotazione alla fotocamera CasioEXLIM che consisteva nell'impossibilità di ricaricarla in quanto il led rosso del caricabatteria lampeggiava ad intermittenza.
Dopo aver fatto una ricerca su internet ho scoperto che molti possessori della suddetta batteria hanno avuto lo stesso problema.

In sintesi, ciò sembra dovuto al fatto che quando la batteria si scarica completamente ( a causa di un prolungato inutilizzo della batteria lasciata all'interno della fotocamera), nell'atto di ricaricarla, non venga riconosciuta dal caricabatteria.

Leggi "L'introduzione al blog" prima di continuare!!


Quindi la soluzione sarebbe quella di forzarne la ricarica, per esempio si potrebbeutilizzare una batteria tipo quadrata da 4,5 Volt (che chiameremo Sorgente) come mostrato nei passaggi sottostanti:








Reperite la batteria da 4.5 Volt, uno spezzone di filo elettrico non troppo grosso, delle forbici, nastro adesivo.
Tagliate il filo in due parti, spellate i due fili alle estremità e collegatali ai poli della batteria.
Infine colleggate per circa 2 minuti il polo positivo della batteria Sorgente con quella della batteria macchina fotografica e il polo negativo della batteria Sorgente con il polo negativo della batteria macchina fotografica.
ATTENZIONE a non ivertire i poli!!!!!!

Successivamente provate ad inserire la batteria nel carica batteria e sperate che il led rimanga fisso (che significa che il caricabatteria sta caricando normalmente)


Se il led lampeggia ancora, riprovate con la stessa procedura un paio di volte; se non accade nulla allora comprate una nuova batteria oppure rivolgetevi presso l'assistenza.

lunedì 19 aprile 2010

...sapere la situazione del traffico aereo in Europa.

Ciao.
Vi suggerrisco due siti ufficiali per sapere gli ultimi aggiornamenti e la situazione del traffico aereo in Europa sconvolta dall'eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajokul:


http://www.eurocontrol.int/corporate/public/site_preferences/display_news_list.html



http://www.enac-italia.it/Home/










Inoltre per quanto riguarda
le numerose cancellazioni di voli conseguenti al fenomeno atmosferico delle ceneri vulcaniche attualmente in corso, l'Enac ricorda quali sono i diritti dei Passeggeri in circostanze del genere, secondo la normativa comunitaria in vigore (Regolamento (CE) 261/2004) così come riportata nella pubblicazione Enac "Carta dei diritti del Passeggero".




This image, acquired on 15 April 2010 by Envisat's Medium Resolution Imaging Spectrometer (MERIS), shows the vast cloud of volcanic ash sweeping across the UK from the eruption in Iceland, more than 1000 km away. The ash, which can be seen as the large grey streak in the image, is drifting from west to east at a height of about 11 km above the surface Earth.

Credits: ESA



martedì 30 marzo 2010

...portare la propria acqua a bordo dell'aereo.

Ciao!
Viaggiando abbastanza spesso con le compagnie aeree low cost, ho notato che a bordo dell'aereo per ricevere un bicchiere gratutito d 'acqua devi dimostrare che sei prossimo alla morte... perchè altrimenti sei costretto a comprare una misera bottiglietta d'acqua di 33 cl alla modica cifra di non meno 2 Euro!!!

La cosa bella è che viaggiando a bordo degli aerei, a causa dell'impianto d'areazione degli aerei necessarri a pressurizzare la cabina, il corpo tende a disidratarsi notevolmente rispetto a quando si è a terra. (potete verificare visitanto il seguente link http://www.lauda.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/18)

Inoltre, l'Unione Europea (UE), per tutelare la nostra sicurezza quando viaggiamo, ha introdotto notevoli restrizioni al trasporto dei liquidi a bordo degli aerei come descritto di seguito nel sito dell' ENTE NAZIONALE AVIAZIONE CIVILE.

Trasporto di liquidi nel bagaglio a mano

negli aeroporti dell'Unione europea

Al fine di proteggere i passeggeri dalla minaccia terroristica costituita dagli esplosivi in forma liquida, l'Unione Europea (UE) ha adottato regole di sicurezza che limitano la quantità di sostanze liquide che è possibile portare attraverso ed oltre i punti di controllo di sicurezza aeroportuale. A queste limitazioni sono soggetti tutti i passeggeri in partenza dagli Aeroporti dell'Unione Europea, compresi i voli nazionali, qualunque sia la loro destinazione.

Ciò significa che ai punti di controllo di sicurezza aeroportuale ciascun passeggero ed il relativo bagaglio a mano saranno controllati per individuare, oltre agli altri articoli già proibiti dalla normativa vigente, anche eventuali sostanze liquide. Le nuove regole non pongono alcun limite alle sostanze liquide che si possono acquistare presso i negozi situati nelle aree poste oltre i punti di controllo o a bordo degli aeromobili utilizzati da Compagnie Aeree appartenenti all'Unione Europea.

Le misure si applicano a partire dal 6 novembre 2006 in tutti gli Aeroporti dell'Unione Europea, nonché in Norvegia, Islanda e Svizzera.

Cosa c'è di nuovo

All’atto della preparazione del proprio bagaglio

Mentre non vi sono limitazioni per i liquidi inseriti nel bagaglio da stiva (quello consegnato al check-in per essere ritirato nell'aeroporto di destinazione), nel bagaglio a mano, ossia quello che viene presentato ai punti di controlli di sicurezza aeroportuale, i liquidi consentiti sono invece in piccola quantità.

Immagine del sacchetto trasparente per il trasporto dei liquidi a   bordo

Essi dovranno infatti essere contenuti in recipienti aventi ciascuno la capacità massima di 100 millilitri (1/10 di litro) od equivalenti (es: 100 grammi) ed i recipienti in questione dovranno poi essere inseriti in un sacchetto di plastica trasparente e richiudibile, di capacità non superiore ad 1 litro (ovvero con dimensioni pari ad esempio a circa cm 18 x 20).

Dovrà essere possibile chiudere il sacchetto con il rispettivo contenuto (cioè i recipienti dovranno poter entrare comodamente in esso). Per ogni passeggero (infanti compresi) sarà permesso il trasporto di uno ed un solo sacchetto di plastica delle dimensioni suddette (ved. illustrazione). Possono essere trasportati al di fuori del sacchetto, e non sono soggetti a limitazione di volume, le medicine ed i liquidi prescritti a fini dietetici, come gli alimenti per bambini.

tratto da: http://www.enac-italia.it/I_Diritti_dei_Passeggeri/Cosa_portare_a_bordo/info-1423113948.html

Considerato quanto scritto sopra è impossibile introdurre bottiglie d'acqua che generalmente utilizziamo quotidiniamente che sarebbero quelle da 33 cl o 50 cl durante i nostri spostamenti.

Come fare allora per evitare di spendere soldi buttando al varco dei controlli bottigliette d'acqua semipiene o piene e poi ricomprarle nei negozi all'interno dei vari gate o a bordo degli aerei a alle modiche cifre di 2 euro o o più equivalenti pressapoco all'acquisto di una confezione d'acqua di 6 bottiglie da 2 liti cadauna?! (vedete un pò che guadagno ha qualcuno in piena era di crisi e disoccupazione!!!)

Semplice:
reperite bottigliette da 100 ml (cioè 10 cl), mettete un tappo, riempitele a casa con la vostra acqua preferita o con la "cosiddetta acqua del sindaco" e mettetele nel vostro bagaglio a mano!
Secondo il suddetto regolamento potete trasportarne 10 unità da 100 mml (cioè un litro)
Io generalmente ne porto con me tre e sono sufficienti.





Vi starete chiedendo dove reperire le bottigliette?! Io utilizzo quelle degli aperitivi: bitter crodino e similari.
Un ottimo modo per riciclare il vetro...una volta utilizzate le potete conservare per il prossimo viaggio!!!

...fare "L'ACEDDU CU L'OVU".

Ciao!
La Santa Pasqua si avvicina e nell'era moderna dove tutto deve essere "cool" e in linea con la massa ci si affretta ad acquistare le blasonate "uova di pasqua e relative colombe", il sito WWW.cucinaenonsolo.it suggerisce, a coloro che vogliono essere in controtendenza,originali e desiderosi di creare un'atmosfera di altri tempi, di creare con le proprie mani il simbolo pasquale per eccellenza: L'aceddu cu l'ovu.





...E’ un dolce pasquale siciliano, viene chiamato con nomi diversi, “cuddura”, “pupi cu l’ova” ecc. A Catania viene appellato “aceddu cu l’ovu”.Questo biscotto veniva donato a Pasqua quando ancora non era diffuso, almeno dalle nostre parti, l’uovo di cioccolata...

tratto da www.cucinaenonsolo.it

giovedì 18 febbraio 2010

...smontare il serbatoio della benzina di una vespa

Ciao!
In questo post vi descriverò come smontare il serbatoio della benzina di una vespa d'epoca




Spruzzate dello svitol nei bulloni e poi procedete dopo qualche minuto a svitarli;




Dato che le condizioni della vespa non sono delle migliori, tagliate il tubo della benzina, tappatelo con un bulloncino o una vite e poi spingetelo all'interno del buco indicato dalla freccia;



Togliete la gommina (se ancora c'è) della levetta per la chiusura/apertura benzina e spruzzate dello svitol con il tubicino attraverso il foro indicato dalla freccia; ciò per consentire di sbloccare il rubinetto della benzina (se bloccato). A questo punto posizionate il rubinetto della benzina nella posizione verticale (benzina aperta; avendo messo il bulloncino nel tubo se il serbatoio dovesse essere pieno ne eviterete la fuoriuscita);




A questo punto sollevate il serbatoio come mostrato nella figura sovrastante; cioè sollevando la parte posteriore del serbatoio e contemporaneamente abbasando la parte anteriore in modo da far passare la leva del rubinetto benzina dal foro;







Ecco il vostro serbatoio estratto!!!

giovedì 21 gennaio 2010

... fare le lasagne verdi

Ecco un'altra deliziosa ricetta che potrete trovare sul sito www.cucinaenonsolo.it :





... ad affrontare meglio la vita quotidiana.

Ciao a tutti!
Forse leggendo i seguenti pensieri di Paulo Coelho possono aiutare ad affrontare meglio la quotidianità:


LE COSE CHE HO IMPARATO NELLA VITA DI PAULO COELHO

Ecco alcune delle cose che ho imparato nella vita:

- Che non importa quanto sia buona una persona, ogni tanto ti ferirà.
E per questo, bisognerà che tu la perdoni.
- Che ci vogliono anni per costruire la fiducia e solo pochi secondi per distruggerla.
- Che non dobbiamo cambiare amici, se comprendiamo che gli amici cambiano.
- Che le circostanze e l’ambiente hanno influenza su di noi, ma noi siamo responsabili di noi stessi.
- Che, o sarai tu a controllare i tuoi atti, o essi controlleranno te.
- Ho imparato che gli eroi sono persone che hanno fatto ciò che era necessario fare, affrontandone le conseguenze.
- Che la pazienza richiede molta pratica.
- Che ci sono persone che ci amano, ma che semplicemente non sanno come dimostrarlo.
- Che a volte, la persona che tu pensi ti sferrerà il colpo mortale quando cadrai, è invece una di quelle poche che ti aiuteranno a rialzarti.
- Che solo perché qualcuno non ti ama come tu vorresti, non significa che non ti ami con tutto te stesso.
- Che non si deve mai dire a un bambino che i sogni sono sciocchezze: sarebbe una tragedia se lo credesse.
- Che non sempre è sufficiente essere perdonato da qualcuno. Nella maggior parte dei casi sei tu a dover perdonare te stesso.
- Che non importa in quanti pezzi il tuo cuore si è spezzato; il mondo non si ferma, aspettando che tu lo ripari.
- Forse Dio vuole che incontriamo un po’ di gente sbagliata prima di incontrare quella giusta, così quando finalmente la incontriamo, sapremo come essere riconoscenti per quel regalo.
- Quando la porta della felicità si chiude, un’altra si apre, ma tante volte guardiamo così a lungo a quella chiusa, che non vediamo quella che è stata aperta per noi.
- La miglior specie d’amico è quel tipo con cui puoi stare seduto in un portico e camminarci insieme, senza dire una parola, e quando vai via senti che è come se fosse stata la miglior conversazione mai avuta.
- E’ vero che non conosciamo ciò che abbiamo prima di perderlo, ma è anche vero che non sappiamo ciò che ci è mancato prima che arrivi.
- Ci vuole solo un minuto per offendere qualcuno, un’ora per piacergli, e un giorno per amarlo, ma ci vuole una vita per dimenticarlo.
- Non cercare le apparenze, possono ingannare.
- Non cercare la salute, anche quella può affievolirsi.
- Cerca qualcuno che ti faccia sorridere perché ci vuole solo un sorriso per far sembrare brillante una giornataccia.
- Trova quello che fa sorridere il tuo cuore.
- Ci sono momenti nella vita in cui qualcuno ti manca così tanto che vorresti proprio tirarlo fuori dai tuoi sogni per abbracciarlo davvero!
- Sogna ciò che ti va; vai dove vuoi; sii ciò che vuoi essere, perché hai solo una vita e una possibilità di fare le cose che vuoi fare.
- Puoi avere abbastanza felicità da renderti dolce, difficoltà a sufficienza da renderti forte, dolore abbastanza da renderti umano, speranza sufficiente a renderti felice.
- Mettiti sempre nei panni degli altri. Se ti senti stretto, probabilmente anche loro si sentono così.
- Le più felici delle persone, non necessariamente hanno il meglio di ogni cosa; soltanto traggono il meglio da ogni cosa che capita sul loro cammino.
- Il miglior futuro è basato sul passato dimenticato, non puoi andare bene nella vita prima di lasciare andare i tuoi fallimenti passati e i tuoi dolori.
- Quando sei nato, stavi piangendo e tutti intorno a te sorridevano.

Vivi la tua vita in modo che quando morirai, tu sia l’unico che sorride e ognuno intorno a te piange”.

lunedì 11 gennaio 2010

...quotare una auto usata.

Ciao!
Desiderate comprare o vendere un'auto usatae vorreste sapere il suo valore senza dovere spendere soldi per saperne la quotazione?!






Sul sito www.motorbox.com è possibile saperlo visitando il seguente link:

http://www.motorbox.com/auto/prezzi_usato/default.html